Coronavirus, Indicazioni base lavoro con il pubblico

Il mondo dall’inizio di gennaio 2020 si è scoperto fragile. Colpito da una pandemia nata in Cina e di cui si conosce ancora troppo poco. Il coronavirus, al momento in cui si scrive, ha mietuto oltre settecento vittime a livello planetario e l’attenzione di tutti è rivolta a come combatterlo. Ma quali sono le coronavirus indicazioni base?

In attesa che gli scienziati e i medici scoprano una cura definitiva, la domanda di prevenzione è aumentata a dismisura, mettendo a dura prova i sistemi di rifornimento di molti Stati. Come ci dobbiamo comportare se lavoriamo a contatto con il pubblico?

Iniziamo a chiarire come si propaga il coronavirus:

  • saliva, tosse e starnuti;
  • contatti diretti personali;
  • mani, bocca, naso e occhi;
  • contaminazione fecale.

La prevenzione è legata all’uso di buone prassi e dispositivi di protezione, come:

  • lavarsi accuratamente le mani e frequentemente, specie se si è entrati in contatto con propri fluidi o con quelli altrui (dopo uno starnuto o dopo la tosse è consigliabile lavare le mani per evitare di contaminare chi ci è accanto);
  • seguire i consigli del personale sanitario, in caso di frequenza di ambiti come ospedali, case di cura o di riposo;
  • l’uso di mascherine chirurgiche non è raccomandato in assenza di sintomi.
  • buttare i propri fazzoletti dopo l’utilizzo;

Cosa dice il Ministero della Salute per il coronavirus, indicazioni base

Il Ministero della Saluto ha emanato il 03 febbraio una circolare per fornire “Indicazioni per gli operatori dei servizi/esercizi a contatto con il pubblico”.

Il documento si sofferma sulle buone prassi indicate qui sopra ed afferma che qualora si possa identificare un caso sospetto, si deve provvedere a contattare i servizi sanitari, segnalando la presenza di un possibile caso sospetto. In attesa dell’arrivo:

  • evitare contatti ravvicinati con la persona malata;
  • se disponibile, fornire alla persona malata una mascherina di tipo chirurgico;
  • lavarsi le mani accuratamente e prestare attenzione alle parti del corpo venite a contatto con fluidi della persona malata;
  • far eliminare direttamente dalla persona malata, in un sacchetto, i fazzoletti di carta utilizzati. Il sacchetto sia consegnato al personale sanitario.
Scarica il documento del Ministero della Salute:

[wpdm_package id=’10712′]

Infine, ricordiamo che è importante informare il responsabile del Primo soccorso aziendale di questi vademecum affinché possa svolgere con efficienza il proprio compito.